Opere 2004-2005
Periodi 1946-1965 1957-1966 1966-1967 1968-1972 1970-1974 1975-1979
  1980-1985 1986-1989 1990-1992 1993-1996 1998-1999 2004-2005
Collezioni
Boni Borzonasca Buonamici Cacciatori Gierut Marchetti Pedrelli Pistoni  

Le opere di questi anni sono le ultime realizzate da Agrifoglio. In questi anni la produzione dell'Artista si è ridotta fino a cessare. La delusione per la scarsa considerazione del mercato per le proprie opere e l'aggravarsi dei problemi di salute lo portarono a concentrare i propri sforzi sulla ricerca filosofica pura, nella convinzione di valorizzare il proprio lavoro pittorico come puro aspetto sperimentale di una ricerca fisica di più ampio respiro.
Divergenze opinabili
Divergenze opinabili, 2004
tecnica mista su tela, 50x50 cm

Fondazione Mario Agrifoglio

In questa opera il gioco estetico consistente nel trasformare la dominanza dei colori caldi diurni in colori freddi sotto Wood. Alcune divergenze ottiche vengono ottenute tra la base gialla e la linea orizzontale dello stesso colore che divergono drasticamente sotto wood.
Sempre sotto Wood compare una freccia azzurra orientata a sinistra, invisibile nella versione diurna e scompare il rettangolo bordato in basso a destra assorbito dal fondale scuro.
Interdizione
Interdizione, 2004
tecnica mista su tela, 50x50 cm

Fondazione Mario Agrifoglio

In questa opera il gioco estetico principale consiste nella trasformazione dei toni caldi diurni in colori freddi sotto Wood. Il fondo violaceo quasi uniforme viene tradotto nella versione Wood in un "balcone" illuminato. Due complicate trasformazioni si notano nel cerchio centrale e nel triangolo che da puzzles multicolore si trasformano rispettivamente in un cerchio trasparente e in un triangolo nero.
Parallelismi
Parallelismi, 2004
tecnica mista su tela, 50x50 cm

Fondazione Mario Agrifoglio

In questa opera il gioco estetico principale consiste nella trasformazione dei toni caldi diurni in colori freddi sotto Wood. Il fondo violaceo quasi uniforme viene tradotto nella versione Wood in un fondo blu e azzurro. Le linee verticali parallele molto evidenti nella versione diurna vengono diluite sino quasi a scomparire nella versione Wood.
Armonia
Armonia, 2005
tecnica mista su tela, 60x60 cm

Fondazione Mario Agrifoglio

Quello che colpisce in questa opera è la riproposizione delle velature dei due rettangoli (in alto a sinistra e in basso a destra) della versione diurna nella versione di Wood operando contemporaneamente una trasformazione radicale dello sfondo. Una delle due velature (quella in alto a sinistra) mantiene la caratteristica calda e rossastra nonostante una variata e più netta gamma di tonalità di rosso, la seconda (quella in basso a destra) richiama invece il sfondo diurno nella gamma violacea. La sensazione che si ottiene è di un forte contrasto tra le superfici rosse del diurno in superfici multicolore nella versione Wood. L'armonia (titolo dell'opera) di forme e colori viene resa in entrambe le versioni (diurno e Wood) e con velature simili ma e questa è la magia dell'opera con masse colorate molto dissimili.